iKey 16 anno 2022

www.iferronline.com un prodotto N.16 - 2022 iFerr magazine ANTINTRUSIONE Come si possono contrastare le recenti e pericolose tecniche di effrazione? Ecco i sistemi di chiusura più sicuri e le opinioni delle aziende protagoniste del settore.

6 46 48 50 52 54 56 58 60 62 Security News Eventi A.P.Fer Expo L’importanza del confronto Approfondimento Antintrusione Dormire sonni tranquilli Professionisti a confronto Serraturieri In prima linea Focus Videosorveglianza L’occhio della sicurezza 10 18 24 32 40 iProtagonisti Sice Tech Abrites Ltd. C.A.T. Cipierre Dierre DOM Security Italchiavi Keyline Mottura Serrature

SOMMARIO NUMERO 16 - 2022 7

MAGGIO 15 16 26 26 27 FEBBRAIO APRILE OTTOBRE MARZO 20 21 21 22 SAVE THE DATE!

EXPO MACHIERALDO di Machieraldo Gustavo SpA 26 - 27 febbraio Busto Arsizio (VA) s BRICOLEVANTE di Fraschetti SpA 26 marzo Bari s EVENTO RAFFAELE di Raffaele SpA 15 - 16 aprile Lamezia Terme (CZ) s CLAB di A.Capaldo SpA 20 - 21 maggio Avellino s SICILFERR di Ma.Mu 21 - 22 ottobre Catania s Eventi organizzati in esclusiva da Ma.Mu Marketing Multimediale Srl Piazza Erculea, 11 - 20122 Milano 02-72080052 promozioni@iferr.com - www.mamusrl.com

10 Security News vendita, le tendenze e il consumatore in un mercato in continua evoluzione. Anche quest’anno il report si conferma un patrimonio informativo vasto e unico, che comprende il censimento dei punti di vendita della distribuzione moderna per categoria e mappati nelle diverse “agglomerazioni commerciali”, il monitoraggio dei trend e dell’evoluzione delle tipologie distributive dei 13 comparti merceologici e un’analisi sull’utilizzo dei social network da parte delle principali insegne della distribuzione non alimentare. Nel 2021 si sono iniziati a leggere gli effetti di media e lunga durata che le chiusure forzate e i timori sanitari hanno generato sulle abitudini di consumo di molti italiani, soprattutto per le tipologie di prodotti legati al mondo del Non Food. Tra i comparti analizzati da GS1 Italy c’è anche il bricolage, un settore che nello scorso anno ha ridotto leggermente la sua quota di mercato arrivando al 12,0%, ma che ha incrementato il suo fatturato del +6,8%. 3 - Il nuovo cilindro di sicurezza R700 S3 a chiave reversibile di ISEO ISEO, realtà italiana attiva nella progettazione, produzione e vendita di soluzioni meccaniche ed elettroniche per la gestione intelligente degli accessi, ha lanciato sul mercato il nuovo cilindro di sicurezza R700 S3 con chiave reversibile. Particolarmente consigliato per essere installato in serrature per porte appartenenti a contesti residenziali, l’ultima novità di ISEO è stata progettata per proteggere dai più fastidiosi tentativi di scasso, grazie al suo particolare design certificato da alcuni tra i più importanti enti preposti, operativi in Inghilterra. R700 S3 dispone di un cappuccio antiscivolo ergonomico con un collo di 16 mm per adattarsi alla maggior parte delle borchie di protezione presenti sul mercato. Si tratta di uno strumento realizzato appositamente per contrastare le più diffuse tecniche di manipolazione come, ad esempio, il picking, il bumping e i tentativi di scasso con il trapano. 1- L’allarme lanciato dalle aziende meccaniche L’aumento dei costi di energia elettrica e gas, in aggiunta alla scarsa reperibilità di materie prime e componenti elettrici, sta influenzando pesantemente le imprese della meccanica: secondo il sondaggio di Anima Confindustria, oltre la metà delle aziende associate vede un calo dei profitti superiore al 10% ed è quindi necessario che il governo attui il prima possibile degli interventi strutturali. In caso contrario, come sottolineato dal presidente di Anima Confindustria, Marco Nocivelli: “Per molte aziende della meccanica, il pericolo di un fermo della produzione o di una chiusura definitiva è reale”. Tra le manovre richieste dalle imprese, un maggiore intervento del governo sulle politiche energetiche di transizione ecologica, anche in ottica di riduzione dalla dipendenza energetica. Nonostante un quadro mondiale così critico, un fattore positivo è rappresentato dall’export dell’industria meccanica che rimane stabile, a dimostrazione del fatto che le imprese italiane resistono, rappresentando il prestigio del Made in Italy in tutto il mondo. 2 - I dati dell’ultimo report dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy È uscita la ventesima edizione dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, dedicato alle tendenze di 13 settori non alimentari: dall’elettronica di consumo all’abbigliamento, dal tessile alla profumeria, dal bricolage all’ottica, dai giocattoli alla casa. La ricerca analizza i consumi, i canali di 1 2 3

11 Security News familiare, capace di investire sulle proprie risorse umane e di costruire negli anni una filosofia aziendale fatta di scelte precise. Tra queste, la decisione di mantenere le principali linee produttive in Italia, oggi concentrate principalmente nel comune di Rezzato e la scelta di dedicare il marchio e il prodotto AVE esclusivamente alla filiera elettrica professionale. Oggi, AVE Spa è una realtà in continua espansione che sta crescendo. I suoi prodotti sono esportati in oltre 70 Paesi con filiali commerciali e joint venture industriali. 5 - Dierre sponsor di Bottom Up! L’azienda Dierre, marchio italiano punto di riferimento internazionale nella produzione di porte blindate, porte per interni e chiusure di sicurezza, è sponsor della seconda edizione del Festival Bottom Up!, organizzato dalla Fondazione per l’Architettura di Torino. Si tratta di un progetto di trasformazione dal basso degli spazi urbani che coinvolge 8 studi di progettazione e altrettanti luoghi da riqualificare in Piemonte e Valle d’Aosta. Tramite il bando SPACE (SPazi di PArtecipazione al CEntro) di Fondazione Compagnia di San Paolo, sono stati selezionati parcheggi, strade da pedonalizzare, installazioni artistiche, giardini, cortili e orti urbani. L’architetto, che assume il ruolo del mediatore, avrà il compito di tradurre bisogni e desideri della comunità in un progetto condiviso. La campagna di crowdfunding, che sosterrà la realizzazione di ogni intervento, è in corso. Ad inizio 2023, sarà invece l’occasione per presentare i risultati e fare il punto dell’esperienza di Bottom Up! in un festival conclusivo. 6 - Massima sicurezza con le soluzioni BTicino BTicino offre una serie di soluzioni smart di ultima generazione, capaci di garantire la sicurezza delle abitazioni. Ne è un esempio il simulatore di presenza, attivabile tramite l’impianto elettrico smart dell’azienda. Diverse funzioni (accendere e spegnere luci, alzare e abbassare tapparelle) possono essere innescate da remoto, in modo tale da poter simulare la propria presenza all’interno della casa ed evitare eventuali tentativi di intrusione. In aggiunta, BTicino propone prodotti relativi alla videosorveglianza, come la soluzione base che prevede l’installazione del kit security di Netatmo, composto da telecamere Wi-Fi, sensori di apertura e sirena interna. A ciò è possibile aggiungere il videocitofono Classe 300 EOS targato BTicino. L’uso combinato di questi due dispositivi, sia in presenza sia da remoto, permette di avere un controllo totale degli ingressi di casa. 4 - AVE Spa torna al 100% italiana Dopo oltre 20 anni, l’azienda AVE Spa torna totalmente italiana. Si è infatti completata l’acquisizione da parte di AVE Spa stessa e del Gruppo Finbel Srl, di proprietà della famiglia Belli, del restante 25,01% delle quote azionarie della società, che dal 1999 era detenuta dal Gruppo Hager, multinazionale franco-tedesca attiva nella fornitura di soluzioni e servizi per installazioni elettriche. Con questa operazione la famiglia Belli conferma e rafforza il proprio impegno e il proprio investimento per la crescita dell’azienda in Italia e all’estero. AVE Spa, fondata nel 1904 in provincia di Brescia, è un punto di riferimento per la produzione di materiale elettrico in Italia. Un’azienda a conduzione 4 5 6

12 Security News Samsung SmartThings o Apple Home. I dispositivi smart compatibili con Matter spaziano dalle luci intelligenti, a spine e prese, passando per serrature e sensori di sicurezza e protezione. Per quanto riguarda gli aggiornamenti, il CSA ha annunciato che si adopererà per una cadenza di rilascio biennale, portando supporto per nuovi dispositivi, aggiornamenti funzionali e miglioramenti continui. 9 - Digital Services Act: sei mesi di tempo per adeguarsi A seguito dell’accordo raggiunto nei mesi scorsi dalle istituzioni europee, il Regolamento UE 2022/206, noto anche come Digital Services Act, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE del 27 ottobre 2022. Entro sei mesi, le piattaforme online come i social media e i siti di e-commerce dovranno quindi adeguarsi, adottando misure per proteggere i propri utenti da contenuti e beni illegali. Le grandi aziende tecnologiche saranno quindi chiamate a una maggiore trasparenza e dovranno agire per prevenire la diffusione della disinformazione e gli effetti negativi sui diritti fondamentali. Di conseguenza, saranno banditi i “Dark Pattern” e altre pratiche ingannevoli. A partire dal mese di maggio 2023, le grandi piattaforme online, identificate come gatekeeper, che non si saranno adeguate rischieranno multe fino al 10% del proprio fatturato annuo mondiale e, in caso di recidiva, la sanzione potrà ammontare addirittura fino al 20% del fatturato mondiale. 7 - UL Solutions: sicurezza ed efficienza energetica le priorità per la smart home UL Solutions, specialista a livello mondiale nella scienza della sicurezza applicata, ha reso noti gli esiti della ricerca “Smart home e dispositivi personali smart: il punto di vista dei consumatori italiani”, realizzata in collaborazione con BVA Doxa. L’indagine ha evidenziato come sia cresciuta l’adozione di prodotti dotati di funzionalità smart e connessione a Internet. I dispositivi smart sono scelti oggi anche per la loro capacità di poter ridurre i consumi, monitorando e gestendo l’ambiente domestico da remoto. Secondo la ricerca di UL Solutions, al primo posto tra i prodotti smart da acquistare nei prossimi due anni figurano infatti termostati, climatizzatori, prese e lampadine. A livello di categoria di prodotto, l’interesse principale degli intervistati si concentra sui dispositivi per la sicurezza (impianti di allarme e antifurto, videosorveglianza e antintrusione), che rappresentano ciascuno una quota del 39% degli acquisti dichiarati dagli intervistati. 8 - Matter, il futuro della domotica Appena un mese fa la Connectivity Standards Alliance (CSA), il consorzio composto da aziende come Apple, Google, Microsoft, Samsung e molti altre, ha finalizzato le specifiche di Matter 1.0 e lanciato il programma di certificazione, che renderà le case più smart. In tre anni, dall’ideazione alla realizzazione, Matter è riuscito a riunire centinaia di aziende sotto un unico progetto. Al momento, sono infatti 190 le imprese in coda per il processo di certificazione o che lo hanno già superato e altre 20 si sono da poco unite al CSA. D’ora in avanti sarà quindi possibile configurare in pochi secondi e controllare tutti i prodotti compatibili con un unico controller come Amazon Alexa, Google Home, 7 8 9

13 Security News un codice personalizzabile oppure tramite un “portachiavi” (TAG). Il livello di sicurezza può essere aumentato attraverso la combinazione “codice utente + “TAG”. La tastiera, alimentata totalmente a batteria, dispone di un display LCD, capace di informare sullo stato del sistema in modo rapido e semplice da visualizzare. Inoltre, i 4 Led presenti sulla tastiera mostrano con immediatezza lo stato del sistema, la presenza di allarme, il livello del segnale wireless e l’eventuale condizione di guasto. L’utente può accedere ai comandi diretti, senza necessità di digitare una password, e inviare una richiesta di soccorso in caso di aggressione (con richiesta silenziosa oppure udibile), malore o allarme incendio. La configurazione del dispositivo avviene tramite l’App HikPartnerPro, basata su cloud, che permette di monitorare l’integrità degli impianti anche da remoto. 12 - Gesco, Securbox IT7: la centrale di controllo evoluta Dal 1975 Gesco progetta e produce apparecchiature elettroniche robuste e affidabili, dedicate ai sistemi di allarme antintrusione e al telecontrollo. Una delle ultime novità è Securebox IT7, che rappresenta la massima espressione del concetto di integrazione applicato alle centrali di allarme antintrusione di fascia alta per il mercato residenziale, commerciale e industriale. Securebox IT7 è la centrale Gesco più espandibile di sempre, la più programmabile e con il maggior numero di canali di comunicazione integrati: ethernet, Wi-Fi e LTE. Ecco le principali caratteristiche tecniche del prodotto: gestione e programmazione completa e sicura tramite cloud Ubiway; programmazione con web server integrato; configurazione di base rapida e di facile comprensione; tripla connessione integrata: LTE – Wi-Fi – Ethernet 10/100; 2 linee seriali di comunicazione; comando tramite app Gesco Ubiway, tastiere, radiocomandi, tag RFID; sino a 520 ingressi tra cablati e via radio; 64 utenti, 16 aree, memoria 3000 eventi; 80 comandi personalizzabili; 20 programmazioni orarie; domotica e integrazione TVCC; notifiche voce, sms, email e push. 10 - Dea Security, la nuova SERIE A03 PRO A03 PRO rappresenta l’evoluzione della classica famiglia di sensori d’impatto SERIE A03 prodotta da Dea Security. Si tratta di un moderno sistema di rivelazione antintrusione per interno che protegge gli infissi e le altre strutture di un edificio dai tentativi di apertura, scasso, taglio, perforazione e sfondamento. La struttura impiega sensori sismici d’impatto passivi (privi di elettronica), che captano gli urti e le vibrazioni generati da tentativi di intrusione, inclusi perforazioni e tagli effettuati con frese carotatrici o dischi diamantati. Il sistema si compone di quattro rivelatori specializzati: SN-A03P-DRM (infissi), SN-A03P-GL (vetri), SN-A03P-WL (muri), SN-A03P-GR (inferriate). Tutti i sensori vengono gestiti da una singola scheda elettronica di analisi multizona. Le importanti novità, rispetto alla storica famiglia SERIE A03, sono rappresentate dalla configurazione e taratura tramite l’app mobile gratuita, compatibile con la maggior parte dei dispositivi oggi sul mercato, il supporto nativo al cablaggio a stella e i sensori bilanciati a due conduttori. 11 - La tastiera wireless con display LCD di Hikvision Hikvision, punto di riferimento nel mondo per la produzione di tecnologie per la sicurezza, ha sviluppato la nuova tastiera di comando wireless con display LCD DS-PK1-LT-WE, ideale in ambito residenziale, commerciale e per la piccola industria. Questo dispositivo consente l’accesso al sistema tramite due modalità: digitando 10 11 12

14 Security News aumentato la sicurezza urbana con l’obiettivo di rafforzare il rapporto con i propri cittadini. Il corpo di polizia locale di Genova è tra i primi delle grandi città capoluogo di provincia per dotazione tecnologica, utilizzo di applicativi smart e prontezza di adattamento dei suoi componenti all’utilizzo di queste nuove tecnologie. Dotata dei più moderni e sofisticati apparati di monitoraggio e controllo, la centrale consente a ogni operatore di visualizzare in tempo reale dalla propria postazione le immagini di ogni telecamera del circuito GeCam installata sul territorio, di verificare la posizione di ogni singola pattuglia, dialogare con altri enti locali e svolgere attività di accertamento e controllo a supporto delle pattuglie operative su strada, in auto, in moto o a piedi. Il progetto Genova Smart City contempla evoluzioni significative anche per quanto riguarda le tipologie di impiego delle soluzioni antintrusione e il controllo accessi. A questo proposito, saranno installate circa 725 telecamere ottiche e 42 nuovi portali di lettura targhe per gli accessi dei Caruggi, che sono al centro di un progetto di rilancio sociale, economico e urbanistico molto ambizioso condotto dall’amministrazione. 15 - Smart Home: crescita del 20% per la sicurezza L’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano ha condotto una ricerca sulla Smart Home, che ha sottolineato come il suo mercato nel 2021 abbia segnato un +29% sull’anno precedente, raggiungendo quota 650 milioni di euro. La sicurezza ha visto una crescita che si attesta sul 20%. Tra i prodotti più richiesti troviamo hardware (videocamere, sensori per porte/finestre e serrature connesse), ma anche offerte legate ad abbonamenti che consentono di archiviare immagini e video su cloud, fare chiamate automatiche di emergenza o attivare servizi di pronto intervento in caso di allarme. Da evidenziare che, per il 44% degli utenti finali, aumentare la sicurezza della casa è il primo tra i motivi che porterebbero a scegliere oggetti smart. 13 - Una nuova tecnologia per la sicurezza dei Mondiali 2022 Nel mese di novembre hanno avuto inizio i Mondiali di Calcio 2022 in Qatar, i quali hanno registrato un numero di visitatori senza precedenti. Per gestire l’evento in sicurezza, Johnson Controls OpenBlue, leader globale nella realizzazione di edifici intelligenti, sani e sostenibili ha lavorato a stretto contatto con Microsoft Azure e Intaleq, fornitore di soluzioni e servizi per l’industria dello sport e dell’intrattenimento. La collaborazione ha dato vita ad una nuova soluzione, la prima al mondo per stadi smart, che ha trasformato le otto sedi della Coppa del Mondo in un unico spazio digitale connesso. Ogni impianto ha un “digital twin 3D”, un modello digitale interattivo che fornisce informazioni in tempo reale su sicurezza, comfort e sostenibilità ad un team di esperti presenti all’interno del centro di comando. OpenBlue raccoglie i dati da dispositivi e sistemi periferici, filtra le informazioni e fornisce all’operatore un’esperienza semplice e intuitiva per valutare le situazioni come, ad esempio, identificare quando un problema di sicurezza o di protezione può avere un impatto su tifosi e giocatori. “Stiamo cambiando il modo di gestire la sicurezza, la protezione, il comfort e l’intelligenza dinamica delle arene sportive abbracciando l’innovazione digitale”, ha dichiarato Abdulaziz Al Mahmoud, Presidente di Intaleq. 14 - Genova, la città intelligente diventa anticrimine Diverse iniziative sono state messe in atto dal Comune di Genova che, oltre ad abbracciare il paradigma della città smart con la nuova centrale operativa della polizia locale e i progetti di videosorveglianza IoT, ha 13 15 14

15 Security News e system integrator, una gamma estesa di prodotti di sicurezza per aiutarli a soddisfare ogni esigenza impiantistica” spiega Marco Fabbri, Product manager area Security & Surveillance, Aikom Technology. 17 - Comelit, piattaforma digitale per supportare il lavoro del professionista La nuova piattaforma digitale di gestione di Comelit permette ai professionisti del settore impiantistico di lavorare in modo semplice, più veloce e in sicurezza. Lo strumento è uno tra i diversi servizi disponibili nell’app MyComelit: richieste di intervento sul campo e consulenza di progettazione, aggiornamenti sulle promozioni, consultazione delle offerte e segnalazioni aperte e dell’archivio personale con manuali, schemi elettrici e documentazione commerciale, configurazione di impianti videocitofonici, webinar e corsi di formazione e ora gestione e monitoraggio da remoto degli impianti di videocitofonia IP, antintrusione e rivelazione incendi. Grazie alla piattaforma, l’installatore ha la possibilità di controllare in tempo reale e da remoto il funzionamento degli impianti antincendio e antintrusione installati. 18 - Double Space® Classe 3: la tapparella che contrasta i tentativi di intrusione Realizzata in alluminio estruso, Double Space® Classe 3 di Pinto srl è un’avvolgibile resistente che garantisce, in posizione completamente chiusa, gli standard di sicurezza antintrusione idonei ad una chiusura oscurante blindata. Sono ben tre i punti di anti-sollevamento, posizionati rispettivamente nel terminale, nella parte centrale e superiore dell’avvolgibile. Grazie a queste caratteristiche, Double Space® Classe 3 ha ottenuto la certificazione di antieffrazione classe 3 da parte dell’Istituto Giordano, l’ente tecnico all’avanguardia nel testing di prodotto, certificazione, ricerca e progettazione. L’avvolgibile coniuga le caratteristiche della linea “Più aria e luce” con quelle legate alla sicurezza. Grazie alla fessura tra lamelle, che può variare dai 2,5 cm ai 1,5 cm, questa tapparella permette una personalizzazione della luce adatta alle più diverse esigenze abitative e le sue linee essenziali la rendono adatta ad ambientazioni moderne e tradizionali. Inoltre, l’applicazione di Double Space® Classe 3, in sostituzione di tapparelle già esistenti, non richiede modifiche di guide o accessori. 16 - L’accordo tra Aikom Technology e Pelco Aikom Technology distribuirà le soluzioni per la videosorveglianza di Pelco, brand californiano, acquisito nel 2020 da Motorola Solutions. Per il distributore di Riccione si tratta di un altro importante accordo strategico per affermarsi sempre di più nel mercato della sicurezza e della videosorveglianza. L’accordo segue infatti l’inserimento a inizio 2022 di un altro brand di Motorola Solutions, Compass, a sua volta entrata a far parte dell’offerta Safety & Security di Aikom Tecnology. Pelco opera da oltre 60 anni nel mondo delle soluzioni video per la sicurezza e ora, come azienda di Motorola Solutions, sta rafforzando ulteriormente la sua posizione sul mercato, offrendo un’ampia selezione di telecamere di videosorveglianza IP, progettate per una ricca varietà di ambienti industriali e commerciali: da telecamere IP fisse e ad alta velocità a panoramiche, PTZ, multidirezionali, ecc. Per ogni ambiente, in qualsiasi condizione di illuminazione e applicazione, Pelco offre la telecamera giusta, oltre a una piattaforma di video management indipendente da VSM, software di analytics e servizi. “Il nostro obiettivo è quello di offrire ai nostri clienti, rivenditori 16 17 18

16 News da ERSI dispone di un laboratorio di prove per l’apertura di serrature e cilindri con diverse tecniche, dal bumping alla manipolazione, operante per Enti di Certificazione, Istituti assicurativi, Forze dell’ordine e per chiunque voglia sottoporre i propri prodotti a prove oggettive e incisive. I tecnici ERSI sono a disposizione per perizie in caso di furto con o senza scasso e per qualsiasi consulenza tecnica in fase di progettazione, di installazione e di gestione di sistemi di chiusura. PROVE DI RESISTENZA AL BUMPING Il laboratorio ERSI effettua prove di apertura di cilindri con la tecnica bumping, secondo la norma ERSI di riferimento. Le prove sono effettuate da tecnici specializzati e possono essere richieste al fine dell’ottenimento della classificazione aggiuntiva “resistente al bumping” della certificazione di prodotto. TEST APERTURA SERRATURE Il laboratorio effettua prove di apertura con tecniche non distruttive di serrature a leve, cilindri meccanici e elettronici, chiusure tecniche, serrature elettroniche. Le prove sono eseguite da tecnici specializzati con attrezzatura disponibile sul mercato e attrezzatura propria. ANALISI TECNICHE Il laboratorio effettua analisi tecniche dei componenti interni di serrature aperte con o senza scasso, rilasciando relazione dettagliata e documentata da foto. Un efficiente laboratorio di prove LE DATE DEL CONVEGNO 2023 ERSI annuncia le date del prossimo convegno: il 12 e il 13 maggio 2023 si terrà nella stessa location del 2022, ossia all’Hotel Savoia a Bologna. La scorsa edizione si è chiusa confermando l’evento come punto di riferimento nel mondo della sicurezza passiva: 1600 partecipanti provenienti da 33 paesi; 52 sponsor; 21 seminari tecnici.

18 Eventi A.P.Fer Expo L’importanza del confronto

19 A.P.Fer Expo > Lo scorso ottobre si è tenuta la X edizione della manifestazione organizzata dal distributore A.P.Fer. I numeri dell’evento e l’intervista ad Alberto Pezzarossa, responsabile commerciale dell’azienda. Ha convinto tutti la X edizione di A.P.Fer Expo, che si è tenuta l’1 e il 2 ottobre a Cascina Triulza, a Milano. L’evento ha registrato, sin dal primo annuncio, un forte interesse da parte delle aziende produttrici del settore ferramenta e sicurezza, registrando un gran numero di richieste di partecipazioni espositive. Anche l’entusiasmo da parte dei potenziali visitatori è stato subito evidente con un andamento delle registrazioni talmente rapido, da portare gli organizzatori a chiudere in anticipo le pre-registrazioni online. Durante l’evento l’affluenza è stata importante (soprattutto la domenica - come di consuetudine), complici anche la tanta voglia di rivedersi di persona ed il bel tempo. La location scelta per ospitare l’evento, dal gusto caratteristico e accogliente, con ampi ed ariosi spazi esterni, ha reso ancor più gradevole il ritrovarsi dopo i due anni di stop forzato dovuto alle norme anti-pandemiche.

20 “Siamo estremamente soddisfatti del risultato. Abbiamo ricominciato da 10... e alla grande!”, commenta Alberto Pezzarossa, Responsabile commerciale di A.P.Fer, ideatore dell’evento e curatore dei contenuti proposti durante l’evento. “La qualità dei contenuti è sempre stato il nostro pallino. Organizziamo l’evento con lo scopo di illustrare alla nostra clientela le soluzioni che riteniamo, in base alla nostra esperienza, realmente utili, innovative e importanti per il settore: cavalli motore da scaricare immediatamente a terra per dare una marcia in più alla propria attività! Vedere iKey: L’evento torna dopo tre anni e il successo è stato evidente. Quali sono i plus di una manifestazione come questa? A.P.: Siamo molto soddisfatti di veder riconosciuto l’impegno profuso per creare un momento di reale aggregazione per la filiera, a misura di partecipante. Abbiamo risposto al meglio all’invito di clienti e fornitori di riorganizzare il prima possibile il nostro evento, mettendoci tutta la nostra passione ed esperienza. I contenuti proposti sono stati molto apprezzati, in primis il tema legato alla sicurezza e alla necessità di aggiornare l’offerta di prodotti capaci di resistere alle più recenti tecniche di manipolazione. iKey: Rispetto alla scorsa edizione il mondo è cambiato, dalla pandemia alla centralità della casa. Qual è stato l’andamento del settore in questi anni? Qual è la fotografia di oggi del comparto? A.P.: Il periodo peggiore per il settore è stato nel 2020, tra marzo e giugno, prima, e ad ottobre e a novembre, poi. Fortunatamente, da allora è stato possibile osservare una ripresa della quasi totalità dei comparti. Molto apprezzata durante la manifestazione è stata la possibilità di rivedersi senza più barriere, potendo toccare di nuovo i prodotti con mano e valutarne l’essenza; anche questo permette ai membri INTERVISTA AD ALBERTO PEZZAROSSA Responsabile Commerciale A.P.Fer Eventi

21 poi Clienti che si presentano entrambi i giorni perché ritengono utile e importante ‘finire il giro degli espositori’ è estremamente gratificante e conferma che l’offerta selezionata di contenuti di qualità è capita e apprezzata”. I commenti, raccolti durante e dopo l’evento, ne hanno confermato la perfetta riuscita, con ripetuti complimenti per tutti gli aspetti curati da A.P.Fer: in primis, come sempre, l’interazione espositori-visitatori di altissima qualità e la consistenza delle proposte commerciali riservate ai partecipanti, ma anche location, accoglienza, catering sono stati ritenuti di alto livello. In perfetto stile A.P.Fer Expo. del nostro comparto, che vivono la contemporaneità con le incertezze e le difficoltà del momento, di cogliere le opportunità di crescita che il mercato comunque offre loro. iKey: Quanto contano aggiornamento e formazione nel settore sicurezza? A.P.: Sicuramente contano molto, a tutti i livelli! Per noi distributori, per esempio, è importante farsi trovare pronti e preparati: i fornitori cercano buyer in grado di stimolarli e veder riconosciuti i loro investimenti; i clienti vogliono consulenza, assistenza e competenza. Per i nostri clienti specializzati nel mondo della serratura, gli anni “buoni” vissuti la decade scorsa hanno significato tanto lavoro e molti nuovi materiali con i quali confrontarsi. Oggi, per consolidare questa esperienza - e per marcare la differenza con i tanti improvvisati del fai-da-te che si spacciano per serraturai - sono necessari quel tipo di aggiornamento e formazione che noi cerchiamo, in collaborazione con i nostri fornitori/partner, di non fare mai mancare, in primis durante A.P.FER EXPO. Per i nostri clienti ferramenta più tradizionali, infine, è importante aggiornare e ampliare la propria proposta, aumentandone la redditività anche attraverso la qualità dell’esposizione e con l’inserimento di servizi alla clientela capaci di attirare i consumatori; ciò richiede tempo dedicato alla preparazione e alla conoscenza dei prodotti e degli strumenti necessari. iKey: Come si declina il futuro secondo A.P.FER? A.P.: Le componenti industriale e meccanica sono ancora la parte pulsante del nostro settore. I maggiori player del settore dovranno seguire l’evoluzione dei sistemi di chiusura in base alle esigenze di praticità richieste dal pubblico, ma senza perdere di vista lo scopo principale del loro lavoro, ovvero la ricerca della sicurezza. A.P.Fer Expo

24 Per definizione, la casa dovrebbe essere il luogo in cui ci sentiamo più protetti, a nostro agio e al sicuro. Ma è necessario dotarsi di sistemi sempre più all’avanguardia e complessi per contrastare le moderne (e sempre più diffuse) tecniche di effrazione. Abbiamo intervistato cinque importanti aziende specializzate in serrature e cilindri per sapere quali sono le loro migliori proposte. Approfondimento Dormire

25 > > Antintrusione I dati della prima edizione dell’Osservatorio sulla Sicurezza della Casa “La Casa sicura del Futuro”, voluto da Verisure Italia e realizzato dal Censis con il contributo del Servizio Analisi Criminale Ministero degli Interni, parlano chiaro: gli italiani cercano maggiore sicurezza, in particolare in casa. Diciassette milioni di cittadini, il 33,9% dei maggiorenni, si sente poco (25,6%) o per niente (8,3%) sicuro all’interno delle mura domestiche, e ha paura di incendi, esplosioni, atti vandalici, furti, con percentuali che salgono al 40,1% tra le donne e al 42,8% per chi vive nelle regioni del Sud. Nove milioni di italiani, il 17,4% della popolazione con più di 18 anni ha paura a stare da solo in casa di notte: due terzi di questi, 6 milioni in valore assoluto, sono donne. Essere sicuri in casa vuole dire, prima di tutto, scongiurare il rischio di veder violati la propria intimità e i propri beni da intrusioni che vengono dall’esterno. tranquilli sonni

26 Negli ultimi dieci anni i furti in abitazione sono diminuiti, ma rimangono un pericolo reale: nel 2021 ne sono stati commessi 124.414, con una media di 341 al giorno, in riduzione del 24,7% rispetto ai 165.329 furti denunciati nel 2019, ma in crescita del 13,6% rispetto al 2020, quando le limitazioni agli spostamenti imposti dalla pandemia hanno costretto in casa residenti e malintenzionati e reso più difficile la commissione di qualsiasi tipo di reato. La graduatoria regionale dei furti commessi nel 2021 fotografa una situazione che non è la stessa in tutte le aree del Paese: al primo posto è la Lombardia, dove lo scorso anno ne sono stati commessi 25.234, pari al 20,3% del totale; segue il Veneto con 15.443 furti in casa, l’Emilia Romagna con 13.501 e il Lazio con 12.854. Chiudono la graduatoria le regioni più piccole: Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Il bisogno di sentirsi al sicuro all’interno delle proprie abitazioni, insieme alla consapevolezza che la sicurezza pubblica da sola non ce la può fare, spinge i privati cittadini all’adozione di una serie di misure per difendersi, che vanno da semplici accorgimenti quali lasciare le luci accese quando si esce, all’adozione di sistemi di protezione via via più sofisticati e personalizzati. Il 90,9% degli italiani ha adottato almeno un dispositivo di sicurezza a difesa della propria abitazione. Il più diffuso è la porta blindata, che si trova all’entrata del 65,7% delle abitazioni. Ma se i sistemi di sicurezza si evolvono rapidamente con la tecnologia, è sicuramente vero che parallelamente si sviluppano, con la medesima velocità, i dispositivi di effrazione e manipolazione. È questo un tema che coinvolge tutte le aziende del settore impegnate a realizzare serrature sempre più complesse a prova del ladro più esperto. Abbiamo così coinvolto alcune importanti realtà produttive per fare il punto della situazione. A loro abbiamo fatto tre domande specifiche. Ecco che cosa ci hanno risposto. Approfondimento Furti e rapine in abitazione durante l’emergenza sanitaria, 2019-2021 (v.a. e var. %) (*) Dati provvisori > Furti in abitazione 165.329 109.503 124.414 -24,7 13,6 Rapine in abitazione 1.818 1.575 1.642 -9,7 4,3 TOTALE furti e rapine in abitazione 167.147 111.078 126.056 -24,6 13,5 V.A. VAR. % FURTI E RAPINE IN ABITAZIONE 2019 2020 2021 (*) 2019 2020 2021 2021

27 Antintrusione LA PAROLA ALLE AZIENDE 1. All’interno delle vostre gamme, quali sono i prodotti che ritenete migliori nel contrasto alle più comuni e recenti tecniche di manipolazione sui cilindri a chiave punzonata? 2. Che evoluzione avranno i sistemi di sicurezza domestici e su quali state puntando ora? 3. Pensate sia giusto veicolare anche attraverso il canale locksmith e ferramenta specializzate informazioni relative alle tecniche di manipolazione una volta riscontrate su vostri prodotti già installati? LE DOMANDE 1. Dal punto di vista della sicurezza i nostri cilindri di punta sono raggruppati nelle linee New Power e D-Up. Questi ultimi sono per natura antibumping in quanto la sicurezza della combinazione non viene data da perni con molle ma da elementi che lavorano per gravità. Parliamo in questo caso NADIA DE ROBERTIS Direttrice vendite Italia e Responsabile div. Ferramenta di cilindri desmodromici. Inoltre, i meccanismi Dierre sono resistenti alle tecniche di picking grazie alla presenza di trappole che intervengono e bloccano la rotazione del cilindro in caso di manipolazione, quando viene utilizzata una chiave non originale. 2. Anche nel nostro settore l’elettronica sta guidando l’evoluzione dei principali meccanismi di sicurezza. Penso ad esempio alle serrature motorizzate che possono essere controllate con lo smartphone, ma anche a porte evolute come la nostra Next Elettra, che integra un allarme sonoro antintrusione e un sistema di sensori in grado di segnalare ogni tentativo di effrazione, ma anche di monitorare lo stato della porta e fornire un’analisi diagnostica del suo corretto funzionamento. In pratica: porta blindata e sistema di allarme in un solo prodotto, tecnologicamente avanzatissimo ma anche estremamente facile da usare. 3. Per noi si tratta di un tema estremamente delicato e riteniamo più opportuno mantenere la riservatezza per evitare anche la più remota eventualità che informazioni sensibili finiscano nelle mani sbagliate. Operiamo principalmente dando supporto agli enti ufficiali, nazionali e internazionali, quando ci viene richiesta assistenza nell’analisi e nello studio dei nostri prodotti. Per noi infatti è molto importante che questi enti siano preparati nel modo migliore nel caso in cui si ritrovino davanti un nostro prodotto durante un intervento di qualunque tipologia. >

28 Approfondimento 1. Senza dubbio, due soluzioni d’eccellenza sono rappresentate da R ME e da CSR R90. In particolare, il sistema di chiusura R ME, brevettato fino al 2038, è stato progettato per coniugare i più alti standard di sicurezza con le caratteristiche di funzionalità e design. La chiave reversibile è disponibile in due varianti: la prima, acquistabile in diversi colori, è costituita da un collo di 18 mm con cappuccio removibile, antiscivolo ed ergonomico. La seconda, costampata, ha un collo di 20 mm ed è disponibile in un’unica colorazione. Il cilindro R ME è brevettato e disponibile sia in versione compact che modulare pertanto rappresenta una soluzione ideale anche per le porte blindate. Il sistema brevettato multi profilo CSR R90, invece, si caratterizza come il prodotto ideale per la gestione di strutture complesse grazie ai suoi differenti profili. Infatti, la soluzione tecnica brevettata, in abbinamento al profilo protetto da trademark, assicura la più alta protezione contro la duplicazione illegale delle chiavi. Il cilindro CSR R90, inoltre, fornisce un’ottima protezione contro gli attacchi esterni e contro la perforazione con il trapano, grazie a dispositivi specifici nel corpo cilindro e nel cilindretto. Questa soluzione, ERMANNO FORMISANO Market Leader Southern Eastern Europe infine, garantisce protezione sia contro la manipolazione, grazie a perni e controperni progettati e certificati, che contro l’estrazione, grazie alla barra in acciaio posizionata nel corpo cilindro. 2. Per noi di ISEO, è solo nel momento in cui un individuo si sente sicuro che è davvero libero di muoversi. Per questo, tutta la nostra gamma di prodotti si basa su soluzioni semplici, fluide e moderne che garantiscono la massima libertà di accesso permettendo di mantenere, al contempo, il pieno controllo. Infatti, per quanto riguarda i sistemi di sicurezza domestici, il trend che si sta andando sempre più a consolidare e sul quale noi lavoriamo da anni, è proprio quello della sicurezza come massima espressione della libertà di movimento, non più, come in passato, della sicurezza come emblema di staticità e chiusura. Per raggiungere questo obbiettivo e rendere concreta l’applicazione della nostra filosofia, noi di ISEO da anni lavoriamo per portare il valore della sicurezza in una nuova dimensione grazie a un’integrazione sempre maggiore tra il meglio della meccanica di precisione e l’elettronica smart. Questa combinazione permette all’azienda di soddisfare le esigenze di una vasta platea di clienti residenziali attraverso soluzioni personalizzate, tra le più innovative e all’avanguardia sul mercato internazionale. Un esempio è Argo 3.0, che introduce una nuova generazione di dispositivi smart per le serrature delle porte, caratterizzati da Bluetooth Smart 5.0 e da Smart Gateway. Quest’ultimo risulta ideale per gestire gli accessi in contesti residenziali grazie a una tecnologia all’avanguardia che consente alla serratura molteplici connessioni simultanee e, soprattutto, permette l’utilizzo dell’app Argo da remoto, in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. Permette una connessione diretta e sicura del telefono con la serratura, grazie alla crittografia end-to-end, senza la necessità di un server intermedio. Noi di ISEO ci stiamo quindi concentrando sulla realizzazione di prodotti unici nel loro genere, che siano in grado di bilanciare tradizione e innovazione tecnologica. 3. Tutta la nostra gamma di prodotti assicura i più alti standard di sicurezza ed efficienza e per questo ha collezionato nel corso del tempo numerose certificazioni conferite dai più rinomati enti internazionali. Inoltre, due dei principali punti sui quali si basa la filosofia di ISEO, sono senza dubbio la trasparenza e il miglioramento continuo, che accreditano l’azienda come un partner affidabile presso tutto l’ecosistema dei suoi stakeholder. Per questo, il rapporto con locksmith e ferramenta specializzate, di grande importanza per ISEO, si fonda da sempre sul principio della collaborazione continua, permettendo così di garantire al cliente finale il massimo della qualità e della fiducia.

29 Antintrusione > MOTTURA Manuel Pesavento, Area Manager 1. I nostri cilindri di gamma Champions, testati e certificati secondo le normative di riferimento, sono sicuramente un elemento su cui puntiamo per offrire sul mercato un prodotto che possa contrastare le tecniche di manipolazione. Questo vale sicuramente anche per un prodotto unico nel suo genere e per noi fondamentale, la serratura 3DKey e il nuovo cilindro C3D, dotati di sistemi di contrasto a queste tipologie di attacco. 2. Il futuro parla chiaro. A oggi molti sistemi di apertura utilizzano la domotica, con attuatori che siano compatibili con sistemi presenti sul mercato. Noi però vogliamo offrire una serie di prodotti che siano versatili, smart e allo stesso tempo che abbiano le caratteristiche di sicurezza che l’azienda Mottura ha sempre offerto ai propri clienti durante gli anni. La nuova gamma BTechnology, prossima a essere lanciata sul mercato dopo la sua presentazione all’ERSI di quest’anno, sarà incentrata su questo nuovo mondo della tecnologia sempre più collegata alla meccanica offrendo soluzioni per porte blindate come la serratura BNova, e soluzioni per impianti già esistenti che possano essere azionati da un motore come il nostro pomolo motorizzato BMoto. Oltre ad offrire tutta una serie di periferiche innovative e con una linea moderna. 3. Il nostro obiettivo è di informare e istruire i nostri clienti sulle tipologie di prodotto che offriamo sul mercato. Il locksmith, i grossisti e le ferramenta specializzate sono sicuramente soggetti importanti nella nostra rete vendita molti dei quali, in veste di Mottura Club, veicolano gli specialisti e non all’acquisto del prodotto giusto secondo le diverse esigenze. Figure quindi fondamentali che ci aiutano a far passare il “messaggio” dell’importanza della sicurezza presente nella vita quotidiana di tutti noi.

30 Approfondimento 1. Sicuramente i cilindri MTL™ 800, la piattaforma brevettata ad alta sicurezza di Mul-T-Lock®, che grazie alla sicurezza garantita dalla combinazione dei perni telescopici e i finger pin (perni laterali che si muovono su una pista, di cui è dotata la chiave), sono molto adatti a contrastare picking e bumping, le tecniche di effrazione più frequentemente utilizzate oggi. Oltre a essere un cilindro anti-bumping e antipicking il MTL™ 800 supporta sistemi masterizzati anche molto estesi e complessi, soddisfa requisiti avanzati legati alla duplicazione delle chiavi, e la varietà di profili consente l’assegnazione di esclusive territoriali, fornendo ai proprietari di abitazioni e aziende la flessibilità di cui necessitano per soddisfare le loro specifiche esigenze. Siamo orgogliosi di essere un punto di riferimento nel mondo dei cilindri e delle serrature di alta sicurezza con prodotti sempre più innovativi che assicurano comfort ma anche un elevato standard di sicurezza e qualità. MUL-T-LOCK Marino Marchioni, Sales Manager 2. Non sono solo le aziende a evolversi, ma anche i ladri e i malfattori che si “aggiornano” sulle nuove tecnologie con l’obiettivo di trovare il metodo per violarle. Le continue attività dell’R&D di Mul-t-Lock sono proprio volte a perfezionare e innalzare i livelli di sicurezza dei nostri cilindri, con il compito di elevare al massimo le opzioni per contrastare i rischi di attacco da parte dei malintenzionati. Alla luce di questo, Mul-T-Lock si distingue con continui sviluppi nel mondo della meccanica, e non solo. Nel caso della piattaforma MTL™ 800, per esempio, per aumentare il livello di sicurezza può essere inclusa opzionalmente la parte di controllo accessi elettronico. Questa evoluzione del MTL™ 800, possibile grazie alla tecnologia Cliq®, aggiunge un ulteriore componente di sicurezza elettronica al controllo dell’accesso. In questo modo si ottengono i vantaggi di una gestione avanzata e di una sicurezza elevata senza compromettere l’esperienza dell’utente. 3. Come Mul-T-Lock vantiamo anni di strettissima collaborazione con un network di Locksmith specializzati di grande esperienza. Le tecniche di apertura con destrezza sono in continua evoluzione e sono spesso i nostri partner i primi a intercettare nuove forme e tecniche di manipolazione, trovandosi sul territorio. Sono dunque loro i primi ad aggiornarci. Dalla nostra solida collaborazione con loro scaturisce un’attività di ricerca congiunta su queste tecniche, che ci consente di studiare ed elaborare con successo soluzioni sempre più avanzate che contrastino i fenomeni di attacco. Sono circa 300 i centri Mul-T-Lock presenti su tutto il territorio nazionale. Con esperienza profonda sul tema delle aperture con destrezza, molti dei centri Mul-T-Lock sono anche membri dell’ERSI, cui fanno capo gli attori più esperti ed aggiornati del settore.

31 Antintrusione SECUREMME Paola Malighetti, Titolare Securemme 1. Da oltre 55 anni Securemme è impegnata a progettare serrature e cilindri con soluzioni innovative a misura del singolo cliente e in grado di contrastare le maggiori tecniche di effrazione presenti sul mercato. In particolare, con la gamma di cilindri EVOK Top (EVOK1 Top, EVOK22 Top, EVOK64 Top, EVOK50 Top, EVOK 75 Top) soddisfiamo vari livelli di sicurezza, in modo da poter offrire un prodotto adatto a ogni esigenza. Fiore all’occhiello di questa serie è il modello EVOK75 Top, cilindro modulare brevettato di altissima sicurezza con quattro tecnologie di cifratura meccanica ed elemento mobile. Chiavi in alpacca a duplicazione protetta per un’elevata tutela contro la riproduzione illegale. Tra le caratteristiche peculiari cito: anti estrazione del rotore con spine quadre in acciaio temprato; spine anti-trapano, presenti nello statore e nel rotore; cilindro resistente al bumbing; anti spezzamento con rottura guidata; rinforzo totale del corpo con barra in acciaio inox ø 6 mm e sistema cambio cifratura. Soddisfa la Norma UNI ENV 1303:2015 ottenendo i massimi risultati. Molto performanti in termini di sicurezza anche le nuove serrature per porte blindate delle Serie 16 (versione 16GC, a cilindro europeo, ambidestre, con movimento ad ingranaggi Top Gear, corsa 30 mm, e doppia trappola Securtina. Scrocco alto, reversibile, Ø19 mm azionato da chiave e quadro maniglia 8 mm) e 14 (versione a doppia mappa Securmap 24, ambidestre, 4 mandate, corsa 40 mm, scrocco alto, reversibile, Ø 19 mm azionato da chiave e quadro maniglia 8 mm). Soddisfano la Norma UNI ENV 12209:2005 ottenendo i massimi risultati (classe 7). 2. Recentemente abbiamo presentato una nuova sezione all’interno del nostro catalogo: si chiama Smart Solution e comprende soluzioni ideali per la casa, per gestire gli spazi business e il mondo dell’hospitality (B&B, affittacamere). Ne fa parte Dsmart 2.0 con i suoi dispositivi e il nuovo cilindro elettronico Enok. Grazie a Dsmart 2.0 è possibile automatizzare tutte le porte e dimenticarsi le chiavi, aprendo con smartphone, i dispositivi wireless dedicati (tastiera, lettore di impronta digitale, lettore transponder) e da remoto tramite Bridge. È possibile così gestire Check-In e CheckOut degli ospiti di un B&B, per esempio, 24 ore su 24, in completa autonomia grazie al software off-line D-Smart Guest Key o al Bridge on-line su cloud. 3. Si tratta di un tema estremamente delicato. Cerchiamo di mantenere la riservatezza per evitare anche la più remota eventualità che informazioni sensibili finiscano nelle mani sbagliate. Ci avvaliamo quindi esclusivamente di centri specializzati e selezionati direttamente da noi. In particolare, ci appoggiamo ai Team Securemme, punti vendita autorizzati per la duplicazione di chiavi originali, in grado di soddisfare tutte le richieste sulle serrature, accessori e ricambi Made in Securemme. Spesso organizziamo corsi di aggiornamento per i nostri Team Securemme sia in presenza sia on line così che possano sempre essere formati sulle peculiarità dei prodotti proprio perché sono poi loro a trasmetterle al mercato. Inoltre, i Team Securemme rappresentano una fonte importantissima di informazioni, disponibili a darci suggerimenti preziosi sulle esigenze del mercato permettendoci quindi poi di offrire prodotti sempre più performanti e innovativi.

32 In prima Professionisti a confronto Antonio Cattani e Tommaso Banchetti sono due serraturieri soci ERSI. Sono protagonisti di un’intervista doppia in cui si raccontano e mettono in luce le caratteristiche del loro modo di operare, l’evoluzione della professione e il ruolo della formazione. Antonio Cattani

33 linea > Serraturieri Tommaso Banchetti

34 iKey: Qual è la sua personale storia professionale? Come è diventato serraturiere? Antonio Cattani: La ditta Cattani Apertura Porte di Antonio Cattani è l’eredità della storica falegnameria specializzata in serramenti Cattani s.n.c., azienda a conduzione familiare operativa dal 1969 e condotta da mio padre, Franco Cattani. Mi sono appassionato all’universo delle serrature nei primi anni Novanta, durante un corso di aggiornamento in quegli anni, in Inghilterra, vidi per la prima volta una stazione mobile di serraturiere. Fu come un fulmine. Appena tornato ho aperto la mia attività di serraturiere con laboratorio mobile, una delle prime in Italia. Attualmente sono Vice Presidente di ERSI, con il ruolo aggiuntivo di coordinatore per i vari ambiti di intervento, i cosiddetti Professionisti a confronto

35 > “capitoli”. Sono anche un grande appassionato di gare di apertura di cilindri e lucchetti. Da diversi anni con un gruppo di colleghi andiamo in giro per l’Europa e in Italia. Tommaso Banchetti: Sono un figlio d’arte. Nel 1995 i miei genitori aprirono “Chiavi e serrature”, un centro dedito alla sicurezza a Falconara Marittima (AN). Ho trascorso parte della mia infanzia presso il nostro punto vendita e posso dire con orgoglio che sono cresciuto in mezzo a serrature, chiavi e casseforti. È un settore che mi ha sempre affascinato e appassionato. A 19 anni, non appena ho potuto, ho seguito le orme dei miei dedicandomi al 100% a quella che ora è la nostra attività di famiglia. La mia storia di serraturiere è proseguita con una netta svolta nel 2015 quando, sulle orme di mio padre, ho deciso di iscrivermi a ERSI, motivato dalla voglia di approfondire la mia passione a livello di studio e di allargare le mie conoscenze tramite il confronto con persone di esperienza provenienti da diverse zone di Italia. Una volta in ERSI, ho conseguito la certificazione di serraturiere e tecnico di casseforti. Nel 2019, all’età di 29 anni, sono stato eletto dall’assemblea dei soci ERSI come referente nazionale per il capitolo dei sistemi elettronici, settore a cui mi dedico da 15 anni. La nomina a questo ruolo, che tuttora ricopro, è stata una enorme soddisfazione specialmente se consideriamo la fiducia che dei soci con decenni di esperienza alle spalle hanno riposto in una persona molto giovane. Ciliegina sulla torta nel 2022, il nostro centro a Falconara Marittima è diventato la sede territoriale ERSI di riferimento per il Centro Italia. iKey: Dove opera e quali sono i suoi clienti tipo? Antonio Cattani: Opero principalmente nell’area di residenza, la provincia di Parma, e nelle zone limitrofe. Succede però di frequente che i miei contatti in giro per l’Italia mi chiamino per interventi particolarmente delicati. La mia clientela è mista tra privati, aziende e riferimenti istituzionali. Tommaso Banchetti: In genere operiamo in tutta la provincia di Ancona e nel territorio marchigiano, ma non ci siamo mai posti dei limiti, per progetti particolari o interventi molto specialistici ci siamo recati anche in altre regioni e in alcuni casi, all’estero. Per quanto riguarda i nostri clienti non abbiamo un target ristretto, chiunque può avere bisogno di “sicurezza” pertanto serviamo sia privati che aziende piccole o grandi oltre che enti pubblici ed industrie. iKey: Quali sono le richieste più frequenti? Antonio Cattani: Mi richiedono principalmente interventi di cambio serrature e aperture manipolative o forzate. Importante ma Serraturieri Il negozio “Chiavi e serrature” a Falconara Marittima di Tommaso Banchetti.

RkJQdWJsaXNoZXIy NjY4ODQx